Malonno, mountainrunning amarcord


Il vezzo di denominarsi addirittura “PAESE DELLA CORSA IN MONTAGNA” potrebbe a qualcuno sembrare eccessivo, ma tanta davvero è la passione ed il legame che ancora oggi esiste tra la comunità dell’Alta Valle Camonica e la disciplina sportiva che meglio di tutte si adatta alla conformazione di un comune che ha il suo cuore pulsante nel capoluogo a valle ma anche una massiccia ramificazione di strade e sentieri per raggiungere le innumerevoli frazioni e contrade che lo circondano. In 54 anni di storia la gara di corsa in montagna è stato il filo conduttore che ha visto prima nascere, poi crescere e maturare l’Unione Sportiva, testimone dei cambi generazionali, culturali e finanche fisiologici di uno sport che a Malonno continua ad affondare radici solidissime. Giusto e divertente intraprendere l’avvicinamento alla 54^ edizione rivivendo e riscoprendo alcune pillole di una storia unica ed appassionante.

Tra Cronoscalate ruggenti, il mito di Fletta ed i “Nuovi Eroi”

“Erano” i mitici anni ’60 allorquando un manipolo di audaci decise di organizzare una manifestazione podistica come tante in quegli anni animavano le estati camune. Luogo individuato per l’arrivo fu NARCOS, presso la tenuta della famiglia Corazzina, che per oltre 25 anni sarà parte attiva e patrocinante della gara. Al mattino la gara, poi la festa, con gran parte del paese che per un giorno si riversava nei prati di NARCOS. Dopo alcuni anni di sfide tra atleti locali il 1969 vede l’avvento della prima grande icona tutt’oggi celebratissima ad ogni sua visita: COSTANTINO FELTER, il fenomenale podista gardesano vince per 7 volte filate, imponendo un dominio impressionante che solo un eroico GIUSEPPE BUTTA’ saprà spezzare nel 1976. Nel frattempo l’arrivo si è spostato da Narcos al Campass e l’anno dopo, siamo nel 1977, giunge in quella località che ne consacrerà il prestigio: FLETTA. Nasce cosi la Malonno-Fletta, un marchio a fuoco, una griffe con cui le carriere di tanti campioni, europei e mondiali, hanno per decenni impreziosito il proprio palmares: si parte a cavallo della fine anni ’70 inizio ’80, con le sfide tra PRIVATO PEZZOLI (3 titoli) ed ALFONSO VALLICELLA (4 titoli), tra cui a turno hanno saputo inserirsi nomi del calibro di Terzer e quel Gianni De Madonna per anni anche stimato tecnico FIDAL. Ma gli anni ’80 corrono veloci ed al loro crepuscolo sono testimoni della consacrazione di un altri indimenticabili e spettacolari protagonisti della corsa tra le montagne: COSTANTINO BERTOLLA (3 titoli) e l’olimpionico di maratona ad Atlanta 96 DAVIDE MILESI (Malonno-Fletta 1991). Anni di fuoco per la Malonno-Fletta, che nel frattempo consolida la gara giovanile come vera fucina di talenti (A Malonno hanno vinto da Junior i vari Agostini, Abate, Manzi, Bonetti, Rinaldi) e lancia la gara femminile (prima edizione 1991, Rossella Gaddo). I tempi sono maturi per un altro “imperatore” ..e l’imperatore arriva: ANTONIO MOLINARI da Civezzano un bel giorno si presenta alla Malonno-Fletta e la storia della gara non sarà più la stessa. Istrione e showman impareggiabile, il grande Molinari è il primo vero “personaggio” del movimento della corsa in montagna. A Fletta stabilisce il proprio santuario, vincendo 8 edizioni (record) di cui 6 consecutive (altro record) e facendo impazzire letteralmente folle di appassionati che salgono in massa in Fletta già la sera prima dell’evento, dando vita alla tradizione della festa notturna pre-gara, per tantissimi anni vero “evento nell’evento” e tradizione delle giovani generazioni malonnesi (sono davvero pochi quelli della “generazione x” che non hanno passato almeno una notte intorno al fuoco di Fletta in festeggiamenti e bagordi). Il regno di Molinari si protrae fino al nuovo millennio, quando nel 2003 un altro spartiacque nella storia di questa manifestazione ha luogo: l’addio a Fletta e la discesa verso Malonno Capoluogo: per ovviare alle crescenti richieste in termini di logistica e servizi, l’Unione Sportiva opta per partenza ed arrivo nel centro del paese: l’esordio è di quelli che mai si scordano, con il trionfo di un certo MARCO DE GASPERI che se possibile spezzerà, da lì in poi, ancor più cuori di Molinari tra i malonnesi. Solo il tempo di una tripletta griffata MARCO GAIARDO (2004-2005 da solo e 2006 a staffetta) e poi è ancora DE GASPERI, per altre 4 volte in fila, prima del 2011 fatidico, in cui un altro RE che risponde al nome di BERNARD DEMATTEIS, ha reclamato la propria corona, al termine di una delle edizioni qualitativamente migliori in assoluto (al via tutti i top 20 italiani) ma anche tra le più terribili climaticamente (sotto un vero diluvio). Come d’altronde spesso si ricorda davanti alla birra del dopo gara, una vittoria e la gloria nel PAESE DELLA CORSA IN MONTAGNA valgon bene un po’ di pioggia e fango. Il 2011/12 rappresenta in qualche modo anche l’ennesimo spartiacque, con le celebrazioni del 50° l’Unione Sportiva decide per la virata sul TRAIL da 21 km, sarà quello da quel momento in poi il simbolo del MOUNTAINRUNNING malonnese. 21km e 1100 metri di dislivello ma soprattutto ilo coronamento ideale di mezzo secolo di storia, nulla lasciato al caso, partenza ed arrivo da Piazza Repubblica, la Piazza Nuova del Paese, dove i Top-Runners vengono introdotti al pubblico con l’ormai celebre rito della scalinata, poi l’anello che in maniera emblematica quanto precisa va ad abbracciare tutte le contrade e frazioni del versante solivo, transitando puntualmente per tutte quelle località che in 50 anni sono state sede arrivo della manifestazione. Oggi in quelle contrade si assiepano numerosi e festanti gli abitanti, organizzandosi in modi sempre più estrosi e chiassosi per sfidarsi nel palio della “Cùntrada Fèstera”, la Contrada con il tifo migliore (ed i giudici sono proprio gli atleti).
Contorno, eventi, festa, e da qualche anno anche il meglio del meglio a livello internazionale: da Robert Krupicka (CZE) a Mitjia Kosovelj (SLO), da Julien Rancon (FRA) passando per Peter Maksimov (USA), Diego Simon (ARG) e Lucjia Krkoc (SLO) fino al fenomeno planetario Petro Mamu (ERI). Sono tantissimi i big da ogni parte del mondo che vengono a sfidare i migliori azzurri come i Gemelli Dematteis, Xavi Chevrier, Cesare Maestri, Luca Cagnati, Sara bottarelli, Valentina Belotti, Francesco Puppi ed Alice Gaggi, solo per ricordarne alcuni. Con l’introduzione del PizTriVERTIKAL nel 2015 il programma è ora completo e rodato. Lo sa il pubblico che va in apnea ed attende per tutta settimana col fiato sospeso di conoscere le star da applaudire, lo sanno gli appassionati, che non vedono l’ora di trovarsi sulla linea di partenza e sui sentieri col meglio che la specialità oggi offra in circolazione, lo sanno i campioni, che a Malonno trovano un’atmosfera speciale, e sanno di poter frequentare l’università del Mountainrunning.


BBL Youth Generation Program: Germani Basket Brescia vs Vanoli Cremona
Minibasket Aquilotti – Asd CUS Brescia vs U.S. MALONNO
Minibasket Esordienti – U.S. MALONNO vs Asd CUS Brescia
Minibasket Esordienti – Polisportiva Vobarno vs U.S. MALONNO
Minibasket Esordienti – U.S. MALONNO vs ASD Virtus Brescia
Minibasket Aquilotti: Polisportiva Pontoglio-Adro vs U.S. MALONNO
Minibasket Esordienti – U.S. MALONNO vs ASD Gussago Basket
RADUNO SCIALPINISTICO PIZTRI RINVIATO AL 10 MARZO!!
Minibasket Aquilotti: U.S. MALONNO vs MiniBasket Chiari
Minibasket Aquilotti: U.S. MALONNO vs Ad Brescia Basket Roncadelle Cscr
Minibasket Esordienti – U.S. MALONNO vs Vespa Basket Asd B
Minibasket Aquilotti: Gussago Basket vs U.S. MALONNO
Minibasket Esordienti – Vespa Basket Asd A vs U.S. MALONNO
RADUNO SCIALPINISTICO PIZTRI & WINTER TOUR
RADUNO SCIALPINISTICO PIZTRI 27 GENNAIO 2019: ISCRIVITI QUI
Torneo natalizio di calcetto – Memorial Graziano Mora 2018/19 – Programma e calendari
Minibasket Aquilotti: Asd Rodengo Saiano Basket vs U.S. MALONNO
Minibasket Esordienti – Asd Lions Basket School vs U.S. MALONNO
Minibasket Esordienti – Basket Ome 01 vs U.S. MALONNO
Minibasket Aquilotti – Basket Ome 01 vs U.S. MALONNO
Torneo natalizio di calcetto – Memorial Graziano Mora 2018/19
Minibasket – Esordienti: Asd Virtus Brescia vs U.S. MALONNO
Minibasket – Aquilotti: U.S. MALONNO vs Asd Basket Franciacorta
Camminare Insieme!
US Malonno si ricomincia!
55° edizione: un Vertical Mondiale, un FlettaTRAIL unico!
Finali Regionali CSI 2018
Minibasket – Aquilotti: Basket School Ospitaletto vs U.S. MALONNO
Karate – CAMPIONATO REGIONALE CADETTI
Karate – IV TAPPA 11° TROFEO BRESCIANO FIJLKAM CALCINATO
Minibasket – Aquilotti: U.S. MALONNO vs Minibasket Ome
Pallavolo – Open Femminile: Quarti di finale
Minibasket – Aquilotti: Minibasket Gardone Val Trompia vs U.S. MALONNO
Minibasket – Aquilotti: ASD Rodengo Saiano vs U.S. MALONNO
Minibasket – Aquilotti: U.S. MALONNO vs Basket School Ospitaletto
Pallavolo – Open Femminile: Autofficina Bontempi vs U.S. MALONNO
Pallavolo – Open Femminile – G.S.O.Unica Volley vs U.S. MALONNO
Calcio balilla – Trofeo Tokens: Bar Pizzeria Pio e Jonny vs I Bollicine
MountainRunningSchool si riparte!
EasyBasket, siamo partiti!
Minibasket – Aquilotti: Minibasket Ome vs U.S. MALONNO
daMATT: da Malonn a lùriTT
MountainRunningSchool 2018
Calcio balilla – Trofeo Tokens: Demolizione Pagina Srl vs I Bollicine
Minibasket – Aquilotti: U.S. MALONNO vs Minibasket Gardone Val Trompia
Minibasket – Aquilotti: U.S. MALONNO vs Rodengo Saiano Basket
Torneo Natalizio di Calcetto: memorial Graziano Mora 2017/18
Pallavolo – Open Femminile: Allianz Marniga Edolo vs U.S. MALONNO
Rinnovo del consiglio direttivo per il quadriennio 2018 – 2021
Lettera del presidente
Malonno, mountainrunning amarcord
Fletta Trail 2017 : la 54° volta di Malonno